Articoli - maestrasonia.it

Sonia Colarullo
Vai ai contenuti

Il gioco e la consapevolezza.

maestrasonia.it
Pubblicato da · 9 Agosto 2019
Lo spazio dell'essere
Nella scuola dell'infanzia si impara tutto attraverso il gioco, ma anche il gioco deve essere tale, cioè un mezzo con cui il bambino esplora liberamente e acquisisce importanti consapevolezze. Oggi molti bambini hanno il tempo organizzato dagli adulti con lo sport, la musica, i corsi di inglese: tutte cose importanti ma che rischiano di essere troppe.
Un tempo l'infanzia era fatta di libertà e di spensieratezza, c'erano momenti di vuoto e di noia che il bambino riempiva con la sua fantasia e il gioco libero.
I bambini oggi sanno giocare? E' importante secondo me che la scuola dell'infanzia si preoccupi di più , dando un buon esempio anche ai genitori, di accrescere il "libero spazio dell' essere".
Come fare? Intanto evitando un eccesso di contenuti e di stimoli per privilegiare percorsi semplici e significativi, poi non facendo mancare in sezione giochi semplici con cui il bambino assieme agli altri possa organizzarsi liberamente. Quali sono questi giochi semplici? La manipolazione con le paste modellabili, i burattini di vario tipo, i materiali di recupero, i materiali per costruire anche attingendo a elementi naturali ( foglie, sabbia, piccoli sassi, pezzetti in legno), le libere attività grafico pittoriche, i momenti a contatto con la natura, ecc. Si tratta di scoprire il vuoto e la noia per entrare a contatto con se stessi e gli altri, e far nascere e crescere lo spazio interiore, lo spazio della consapevolezza, della fantasia e della creatività.
Può venire in aiuto anche una certa flessibilità didattica, e vi offro un esempio. Può verificarsi che noi predisponiamo un gioco e i bambini lo usino in un modo alternativo: anzichè intervenire potremmo stare a  vedere come va a finire!
In una delle foto dello slideshow qui sotto si vedono dei bambini di tre anni che giocano ad allineare sul pavimento le carte da me predisposte per il gioco degli indovinelli ( le carte dovrebbero stare in una scatola ed essere date una per volta al bambino che indovina il soggetto).  Il mio obiettivo era che riuscissero ad osservare tutte le immagini ed i bambini nel gioco libero hanno deciso di allinearle: mi sembra una soluzione alternativa efficace! Allineandole le osservano e le confrontano molto attentamente!
Per approfondire queste e altre strategie didattiche, potete visitate anche il mio canale YouTube e i miei profili Instagram e Pinterest.

Ciao dalla maestra Sonia!


















Sonia Colarullo
soniacolarullo@gmail.com
Torna ai contenuti